Anne with an e

ANNE WITH AN E

Anne with an e | Elogio alla gentilezza

Dal romanzo di Lucy Montgomery al celeberrimo manga giapponese, “Anna dai capelli rossi” arriva su Netflix

Anne with an E, serie tv prodotta dalla CBC e distribuita da Netflix, conosciuta in Italia come “Chiamatemi Anna” è stata per me una grandissima sorpresa. Vi spiego il perché.

Tutti avranno sicuramente visto almeno una puntata dell’anime giapponese, o conoscono a grandi linee la storia che si cela dietro la ragazza dai capelli rossi. Ma la serie tv di Netflix attinge più dai romanzi per ragazzi, scritti 1908 e il 1921 dalla scrittrice canadese Lucy Maude Montgomery che dall’anime; direi per fortuna.

Sì, perché Anne non mi è mai stata simpatica. Ma superati i pregiudizi legati alla visione della versione giapponese, ho deciso di buttarmi e iniziare a guardare la serie, scoprendo così una serie  a dir poco incantevole.

I personaggi sono ben delineati, non si può far a meno di provare empatia verso tutti. Ho amato la visione romantica della vita di Anna, la dolcezza del vecchio Matthew e la forza di Marilla. E gran parte del merito va sicuramente agli attori.

anne with an e recensione

Anne with an e: tra magia e natura | Cosa si cela dietro la meravigliosa sigla

Negli ultimi anni le sigle delle serie tv (a mio avviso) hanno acquistato qualità, sempre meno banali e scontate. La sigla di Anne with an e non fa differenza. Si tratta di una sigla estremamente ricercata, curata nei minimi dettagli.

La sequenza è composta da otto dipinti realizzati da Brad Kunkle e creata da Imaginary Forces, lo studio che, per intenderci, si è occupato anche delle sigle di Stranger Things e Mad Men (qui la recensione della serie).

I dipinti sono olio su lino o legno e per poter completarli, all’artista sono servite quasi tre settimane.

Le sequenze invece seguono il ciclo delle stagioni e richiamano il romanzo della Montgomery con citazioni incise sugli alberi. L’obiettivo è quello di simboleggiare, con l’alternarsi delle stagioni, il viaggio che intraprende Anne, non tanto fisico quanto emotivo.

Ma se hai delle grandi idee, devi usare delle parole altrettanto grandi per esprimerle, vero?

La sigla di questa serie è un concentrato di poesia, colore e magia. 40 secondi che trasportano immediatamente in un mondo fantasioso. Un luogo in cui una semplice ragazzina impara ad affrontare le brutture della vita con straordinaria tenacia, senza perdere mai di vista un valore che invece oggi dimentichiamo troppo spesso: la gentilezza.

Source: Buzzfeed.

About

Sognatrice incallita, vivo con la testa fra le nuvole (non è un caso se appunto tutto). Credo nel potere terapeutico di una buona pizza e di un film di Woody Allen.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *